Personaggi

Galileo Ferraris (30/10/1847 - 07/02/1897)

Elettrotecnico, studiò i motori a correnti alternate e fondò a Torino la prima scuola italiana per ingegneri elettrotecnici

Dopo la laurea presso la Scuola di applicazione per ingegneri di Torino nel 1869, diventa presto docente di Fisica tecnica al Regio museo industriale. Studia le macchine elettriche, che in quel periodo sono in grande sviluppo, e si occupa in particolare della corrente alternata, delle misurazioni ad essa connesse e dei problemi legati alla sua distribuzione .

Nel 1885 produce un campo magnetico rotante con il quale realizza il suo motore ad induzione magnetica, alimentato da correnti alternate sfasate. L'invenzione, annunciata da una sua nota del 1888 negli "Atti" dell'Accademia delle Scienze di Torino, avrà nei suoi sviluppi un ampio successo. Da esso discenderanno tutti i motori elettrici a induzione che ancora oggi utilizziamo, ad esempio negli elettrodomestici che riempiono le nostre case.

La sua attenzione per la didattica si esprime nel 1886 con la fondazione presso il Regio museo industriale della Scuola con laboratorio di elettrotecnica, prima scuola nazionale per ingegneri elettrotecnici.

Dal 1887 diviene inoltre consigliere comunale e assessore del comune di Torino mentre nel 1896 per i suoi meriti viene nominato senatore del Regno d'Italia.

Definito nel 1894 da Edison "il più grande degli elettrotecnici viventi", a lui è intitolato l'Istituto elettrotecnico nazionale che a Torino ha la sua sede.

Citato in