Notizie

Notizia del 22/09/2010

Tumori? Colpa dei virus

Viene dalla Conferenza Internazionale di Venezia, organizzata dalla fondazione Veronesi, la conferma a una ipotesi già in circolazione da qualche tempo.  Sarebbero i virus a innescare o favorire lo sviluppo di alcune tipologie di cancro, quali quelli al collo dell’utero, alla prostata piuttosto che le leucemie.  E l’elenco è sicuramente destinato ad allungarsi.

I ricercatori intervenuti al Convegno hanno presentato dati che confermerebbero il coinvolgimento di virus oncogeni nel 20% dei nuovi casi di tumore nel mondo.

Oltra al papillomavirus e ai virus dell’epatite  B e C, già ben conosciuti, si parla del gammaretrovirus come concausa del tumore alla prostata.  L’ultima scoperta riguarda il poliomavirus, coinvolto nella comparsa di forme benigne di tumore della pelle.

Il fattore positivo, sul quale è necessario concentrare gli sforzi nei prossimi anni, è la possibilità di lavorare sulla prevenzione, realizzando vaccini contro i virus portatori di tumore.

Così accanto al vaccino contro il papillomavirus e contro l’epatite B, già utilizzati con successo, dovrebbe arrivare presto quello contro il virus Hpv, responsabile di tumori al collo dell'utero ma anche nel cavo oro-faringeo, mentre si continua a lavorare intensamente nella ricerca del vaccino contro il virus HIV, responsabile dell’AIDS.

Luigi Naldini, direttore dell'istituto Telethon San Raffaele per la terapia genica – ha spiegato che i virus sono anche strumenti straordinari per veicolare in maniera mirata terapie all'interno delle cellule umane, possono, infatti,  essere manipolati in modo da utilizzare soltanto le caratteristiche che si ritengono utili.

 

Suggerimenti