Notizie

Notizia del 17/12/2002

La luce polarizzata del Big bang

Quattordici miliardi di anni fa partì la luce emessa dal Big bang. Oggi la ritroviamo nella cosiddetta radiazione di fondo, la "firma" di quella grande esplosione.

Però non dovrebbe trattarsi di una radiazione normale: gli scienziati hanno infatti previsto che dovrebbe essere polarizzata. E' un po' come guardare una corda di chitarra: quando si pizzica tende a vibrare in tutte le direzioni. Ma se vibrasse su un solo piano, allora avremmo una vibrazione "polarizzata". Per la luce le cose vanno nello stesso modo quando le onde di una radiazione oscillano su un piano ben preciso.

All'inizio dell'universo ci sono stati, secondo le teorie cosmologiche, meccanismi che avrebbero dovuto polarizzare la radiazione emessa. Ed infatti li hanno trovati. Qualche mese fa ci furono i primi rapporti scientifici, oggi confermati da un articolo apparso sulla rivista Nature.

Attraverso un rivelatore posto nella base americana Amudsen-Scott, nel polo sud, gli astronomi dell'Università di Chicago hanno visto che effettivamente la radiazione di fondo ha una sua polarizzazione, che si trova in accordo con le teorie fisiche.

Lo si potrebbe chiamare un buon segno: l'universo sembra funzionare proprio come gli scienziati hanno teorizzato.

Suggerimenti