Notizie

Notizia del 05/12/2011

L'importanza della vaccinazione per prevenire il cancro all'utero

 

Prevenire alcune forme di cancro attraverso lo sviluppo di vaccini è possibile. Lo ha ribadito il premio Nobel per la Medicina del 2008, Harald Zur Hausen, nel corso del suo intervento all'evento “Science for Peace” organizzato dalla Fondazione Umberto Veronesi.

Si deve a Zur Hausen la scoperta che  il Papilloma virus umano (HPV) è una delle cause del cancro all collo dell'utero, e che è quindi possibile lo sviluppo dei vaccini anche in campo oncologico.

Il vaccino attualmente disponibile può prevenire tra il 70% e l'80% dei carcinomi della cervice se somministrato prima dell'inizio dell'attività sessuale. Purtroppo però questa strategia è ancora molto costosa e molti paesi non possono permettersela.  Inoltre, spesso manca un'adeguata sensibilizzazione, sia nei confronti delle autorità sanitarie che della popolazione, in grado di far percepire i benefici ottenibili.

L'ideale è che il vaccino venga somministrato nella fascia di età tra i 9 e i 12 anni sia nelle femmine che nei maschi.  Detto ciò però non dobbiamo dimenticare che il vaccino non è la sola soluzione. Oltre ad esso è estremamente importante perseguire una corretta educazione, che naturalmente non può che riferirsi esclusivamente al vaccino. «Fumo di tabacco, consumo elevato di alcol, l'obesità e l'esposizione eccessiva al sole sono solo alcuni dei fattori. La prevenzione rimane un punto fondamentale che non va per nulla trascurato

 

Suggerimenti