Notizie

Notizia del 08/05/2008

Il Premio letterario Galileo ad Andrea Frova

Il Premio letterario Galileo 2008 per la divulgazione scientifica promosso dal Comune di Padova è andato ad Andrea Frova per il libro “Se l’uomo avesse le ali. Segreti e misteri della fisica” (RCS Libri-BUR, 2007).

“La fisica è un po’ come la musica: qualunque persona è in grado di comprendere la bellezza dei fenomeni della natura”, questo il commento del vincitore. Il suo libro “Se l’uomo avesse la ali. Segreti e misteri della fisica” ha ottenuto, infatti, il maggior numero di preferenze da parte delle 92 classi di scuole superiori che in rappresentanza delle diverse province italiane hanno preso parte alla Giuria Popolare del premio: circa 3000 ragazzi che si sono cimentati nei mesi scorsi nella lettura dei 5 libri finalisti, selezionati dalla prestigiosa Giuria Scientifica presieduta nell’edizione 2008 dal Premio Nobel Carlo Rubbia.

Nel corso della festosa cerimonia al San Gaetano di Padova, sotto l’abile conduzione di Fabrizio Roversi, Frova – veneziano, classe ‘36, ordinario di fisica generale e docente di acustica musicale presso l’Università “La Sapienza” di Roma - è stato applaudito e “tifato” dai circa 700 giovani giurati giunti a Padova in rappresentanza delle diverse scuole da tutta Italia.

Dopo un testa a testa che vedeva il libro di Frova a pari merito con “I ritmi della vita. Gli orologi biologici controllano l’esistenza di ogni essere vivente” di Russel Foster e Leon Kreitzman, l’esito finale ha portato dunque a premiare l’opera del noto fisico, capace di parlare dei grandi eventi terrestri e cosmologici, così come di quelli ultra piccoli all’interno dell’atomo e della materia. Riconfermato dunque il grande successo della manifestazione patavina che ha visto quest’anno un forte incremento delle richieste di partecipazione da parte delle scuole di tutta la penisola (lo scorso anno erano 66 le classi votanti), segno del radicarsi dell’iniziativa e della crescente percezione del suo valore divulgativo. “Le manifestazioni – ha detto a questo proposito lo stesso Roversi, che ci ha abituato alle sue incursioni in campo scientifico con la trasmissione RAI “In viaggio con Darwin” - si dividono in finte e vere. Qui è autentica la partecipazione dei ragazzi che, si capisce, non sono stati spinti dagli adulti a partecipare; è vero lo spessore degli autori dei libri e c’è una città, Padova, che con la sua storia, la sua Università e queste iniziative mostra una reale attenzione al sapere razionale e all’avvenire delle future generazioni”.

Secondo e terzo posto a pari merito si sono piazzati gli inglesi e Andrea Pilastro con il suo lavoro sulla storia evolutiva della riproduzione sessuale “Sesso ed evoluzione”.

Suggerimenti