Notizie

Notizia del 11/12/2012

Cellule staminali in soccorso alla chirurgia plastica

Gravi ferite, ulcerazioni croniche, chirurgia estetica post intervento, ringiovanimento cutaneo, questi e altri sono i campi di intervento della chirurgia rigenerativa, che trova oggi un fondamentale sostegno grazie all'utilizzo di cellule staminali estratte dal tessuto adiposo dello stesso paziente sottoposto al trattamento.

Pioniere in questo settore è il Professor Valerio Cervelli, direttore della cattedra di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata".

La Medicina e la Chirurgia Rigenerativa rappresentano le più recenti applicazioni delle scienze in campo medico, con l’obiettivo e la finalità di restituire funzione e integrità a parenchimi e tessuti danneggiati.
L’approccio relativamente “poco invasivo” consente al paziente di avere un decorso post-operatorio rapidissimo, utilizzando le proprie cellule e tessuti. Questo riduce lo stress fisico e psichico e accelera i processi di guarigione.

Altri elementi fondamentali utilizzati nella Chirurgia Rigenerativa oltre alle cellule staminali sono: i biomateriali sintetici e i fattori di crescita contenuti nelle piastrine. Sia le cellule staminali che le piastrine vengono prelevate dallo stesso paziente, attraverso un’autodonazione, il che riduce moltissimo eventuali problemi di rigetto.

Traguardo futuro, l'autorigenerazione degli organi.