Notizie

Notizia del 30/08/2013

Alzheimer: le ultime scoperte della medicina

Gli "ingredienti" necessari allo sviluppo dell'Alzheimer sono presenti nel cervello di tutte le persone, ma allora perché non tutti si ammalano?

A rispondere a questa domanda è un gruppo di neuroscienziati dell'Università della California, a San Diego, con uno studio che è stato recentemente pubblicato sulla rivista Neuron.

Nei neuroni sono presenti in grandi quantità le proteine beta-amiloide (APP) e gli enzimi BACE. Per evitare che le due sostanze entrino in contatto e che di conseguenza si formino le placche caratteristiche del morbo, il corpo umano produce delle vescicole dentro le quali vengono avvolte proteine e enzimi per non toccarsi.

La ricerca ha evidenziato che nel cervello delle persone colpite da Alzheimer veniva prodotta troppa APP e che gli "isolanti" disponibili non erano abbastanza.

Questa scoperta, che sta alla base della nascita della malattia, secondo gli scienziati, potrà avere ripercussioni positive non solo sulla ricerca di una cura, ma anche per la prevenzione e l'individuazione precoce della patologia.

 

Suggerimenti