Dossier

Piero Fogliati Poeta della luce

Edicola delle apparizioni - 1985/86

L’opera Edicola delle apparizioni nasce come conseguenza diretta dell’opera Aura cromatica. La luce, molto potente, illumina due esili bastoncelli verticali lunghi circa 20 centimetri sospesi con dei fili di nylon a 1,3m da terra e distanziati reciprocamente di circa 60 cm.

Una serie di immagini, le informazioni che l’artista vuole farci percepire, viene proiettata in rapido passaggio su tali bastoncelli. Possono essere lettere, numeri o immagini che raffigurano oggetti della realtà quotidiana o soggetti presi dall’iconografia della storia dell’arte. L’installazione dell’opera deve essere molto accurata in quanto i due fasci di luce proiettati devono cadere esclusivamente sulle bacchette e non su un’ulteriore superficie. Essendo le bacchette degli schermi riflettenti a sviluppo unidimensionale (verticale) un’osservazione statica non permetterebbe di percepire l’immagine proiettata nella sua bidimensionalità in quanto manca la dimensione orizzontale. In questo caso le bacchette sembrano illuminate da semplici lampi di luce.

Mostra Fogliati Edicola delle apparizioni

Ma la distanza reciproca delle due bacchette rende lo sguardo instabile stimolandolo ad uno spostamento continuo dall’una all’altra. Questi movimenti incontrollati dell’occhio, i movimenti saccadici, permettono di cogliere nel vuoto la nitida visione delle informazioni proiettate. Infatti nel loro spostamento da una bacchetta all’altra gli occhi registrano e trascinano l’immagine proiettata all’esterno del mezzo riflettente. Per questo motivo si ha l’impressione di vedere lettere ed oggetti di luce sospesi nel vuoto. La lettura dell’immagine avviene a livello mentale, nel senso che scaturisce pur non esistendo, nella realtà esterna all’osservatore, un riferimento concreto e tangibile. Pertanto la loro piena comprensione avviene a livello mentale in una maniera completamente personale ed autonoma.

Pertanto come nell’Aura cromatica, in quest’opera l’esito luminoso si stacca completamente dal supporto riflettente e fruito soggettivamente.

Suggerimenti