Dossier

Il dialogo fra Pauli e Jung: le strane coincidenze tra fisica e inconscio

Archetipi e teoria della conoscenza

Un altro punto fondamentale all'interno della riflessione di Pauli riguarda la teoria della conoscenza. Egli si pone l'antico problema filosofico riguardante la natura del "ponte" che permette di passare dai dati empirici provenienti dall'esperienza ai concetti e alle idee e quindi alla formulazione di teorie scientifiche. Si tratta di un problema lungamente dibattuto nel corso della storia della filosofia e delle scienze.

Wolfgang Pauli

La risposta di Pauli è fortemente influenzata dalla psicoanalisi junghiana. Secondo lo scienziato, il passaggio dall'esperienza alla formulazione delle teorie non può essere effettuato tramite la pura logica; risulta invece più soddisfacente postulare l'esistenza di un ordine cosmico, oggettivo e universale, al quale risultino soggetti sia l'animo umano che l'insieme dei fenomeni naturali.

Il processo di comprensione della natura risulta allora essere una ricerca di corrispondenze, di sovrapposizioni fra immagini interne preesistenti nella psiche umana e gli oggetti del mondo esterno. A guidare questa ricerca sono delle "idee innate", che sono presenti negli strati profondi, inconsci, della psiche e che fungono da produttori e ordinatori di rappresentazioni. Si tratta degli archetipi, un concetto introdotto da Jung che indica contenuti inconsci innati e comuni a tutti gli uomini. Sarebbero queste idee, dal forte contenuto simbolico ed emozionale, a dirigere l'attenzione dello scienziato e ad influenzarne il modo di selezionare i dati dell'esperienza, costituendo così il ponte cercato tra le percezioni e le idee.

Scrive Pauli: "In qualità di fattori ordinanti e produttori di immagini, in questo mondo di immagini simboliche, gli archetipi esercitano la funzione di quel ponte che abbiamo tanto cercato fra le percezioni sensoriali e le idee, e sono dunque un necessario presupposto anche per sviluppare una teoria scientifica della natura".

Suggerimenti