Articoli

Progetto TOPPS, con il contributo dell'Università di Torino

Un progetto europeo finalizzato a ridurre l’inquinamento puntuale delle acque da agrofarmaci.

L’uso dei prodotti fitosanitari, utilizzati in agricoltura per combattere le malattie delle piante, ha dimostrato di avere un impatto ambientale negativo sulle acque superficiali e sulle falde acquifere. Le preoccupazioni legate a questo tipo di inquinamento si concentrano soprattutto sui possibili effetti sfavorevoli sia sulla qualità delle acque destinate all’impiego domestico, sia sulla salute degli organismi acquatici.

L’ impiego diffuso di prodotti chimici caratterizzati da un elevato livello di tossicità per gli animali e per l’uomo comporta la necessità di gestire correttamente non solo la fase di distribuzione in campo ma anche le altre operazioni legate ai trattamenti, a partire dalla preparazione della miscela fino allo smaltimento dei residui. Alcuni studi effettuati in Gran Bretagna e pubblicati dalla Crop Protection Association, hanno infatti evidenziato che quasi il 50% della contaminazione delle acque superficiali è dovuta ad un non corretto utilizzo dei prodotti reflui del trattamento fitoiatrico.

Progetto Topps Le possibili fonti dell’ “inquinamento di tipo puntiforme”, cosiddetto perché si ripete sempre in un punto, riguardano tutte le attività che prevedono la manipolazione degli agrofarmaci da parte degli operatori, come ad esempio le perdite durante il trasporto, lo stoccaggio dei principi attivi, la preparazione della miscela, lo smaltimento della miscela residua nell’irroratrice a fine trattamento, quello delle acque per il lavaggio interno ed esterno delle macchine e dei contenitori vuoti degli agrofarmaci. Queste fonti di inquinamento puntiforme derivano generalmente da una gestione poco rispettosa dell’ambiente e possono quindi essere limitate con una presa di coscienza del problema da parte degli agricoltori, che devono apportare le necessarie modifiche alle consuete ma spesso inadeguate pratiche adottate in azienda.

L’Unione Europea, nell’ambito dei progetti Life Ambiente, ha finanziato, insieme all’Associazione europea dei produttori di Agrofarmaci (ECPA), un progetto triennale denominato TOPPS (Train the Operator to Prevent Pollution to Point Sources) che coinvolge numerosi stakeholders (operatori agricoli, tecnici di campo, distributori di agrofarmaci, costruttori di macchine irroratrici, compagnie di distribuzione dell’acqua potabile, ARPA regionali) e che si propone di sensibilizzare e di formare gli agricoltori e i tecnici del settore al fine di ridurre in misura consistente l' inquinamento puntiforme delle acque da agrofarmaci.

Al progetto partecipa per l’Italia il DEIAFADipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale, Sezione di meccanica - dell’Università degli Studi di Torino, insieme con altri Enti di ricerca Europei: il PCF-Diensten aan bedrijven vzw/npo & POVLT (Belgio); il Landwirtschaftskammer Nordrhein-Westfalen (Germania); il Danish Agricultural Advisory Service & Hardi International (Danimarca); l’ Universitat Politecnica de Catalunya /CEIB. (Spagna); il Cemagref & Arvalis (Francia); il Research Institute of Pomology and Floriculture & Institute Land Reclamation and Grassland Farming (Polonia); l’ Harper Adams University College (Gran Bretagna).

Tra le attività di carattere divulgativo previste nei tre anni di durata del Progetto TOPPS (novembre 2005-novembre 2008) c’è anche la realizzazione di un’area dimostrativa (demo farm), che si è deciso di localizzare presso l’Azienda Fontanafredda di Serralunga d’Alba (CN), caratterizzata da una superficie di 62 ha coltivati a vite. Nella suddetta area gli addetti del settore potranno vedere le corrette modalità e le attrezzature idonee a consentire una gestione sostenibile di tutte le operazioni legate alla manipolazione degli agrofarmaci. A Fontanafredda verrà inoltre condotto un piano di monitoraggio delle aziende presenti nella zona, attraverso i dati rilevati dalla compilazione appositi questionari, e sarà creato un punto di riferimento locale del progetto TOPPS per gli agricoltori (help desk).

Per approfondimenti:http://www.topps-life.org/web/page.asp e http://www.deiafa.unito.it/

Per informazioni: paolo.marucco@unito.it

Suggerimenti