Dossier

La psichiatria in Piemonte

Bibliografia

AA.VV., I due primi secoli della Accademia delle Scienze di Torino, Accad. delle Scienze, Torino 1985.

BABINI V.P. - COTTI M. - MINUZ F. - TAGLIAVINI A., Tra sapere e potere. La psichiatria italiana nella seconda metà dell'Ottocento, Il Mulino, Bologna 1982.

CANOSA R., Storia del Manicomio in Italia dall'Unità ad oggi, Feltrinelli, Milano 1979.

CASTEL R., L'ordine psichiatrico. L'epoca d'oro dell'alienismo, Feltrinelli, Milano 1980.

DE BERNARDI A. (a cura di), Follia, Psichiatria e Società. Istituzioni manicomiali, scienza psichiatrica e classi sociali nell'Italia moderna e contemporanea, F. Angeli, Milano 1982.

DELLA PERUTA F. (a cura di), Storia d'Italia. Annali 7. Malattia e Medicina, Einaudi, Torino 1984.

FRIGESSI D., Cesare Lombroso, Einaudi, Torino 2003.

LEVRA U. - CAGLIERO C. - MAFFIODO N. - TAVOLACCINI L., Malati, folli e criminali nella Torino Carlo Albertina, in «Riv. Storia Contemporanea», XI (1982), f. 3, pp. 337-398.

LEVRA U., L'altro volto di Torino risorgimentale: 1814-1848, L'artistico, Savigliano 1988 e La scienza e la colpa, Electa, Milano 1982.

MAFFIODO N., La "Medicina delle passioni" nel Piemonte ottocentesco (1815-1859), Fondazione C. Cavour, Santena 1986.

PORTIGLIATTI BARBOS M., Medicina e Antropologia criminale nella cultura positiva in «Sanità, Scienze e Storia», n. 1, pp. 7-25, 1984 e Cesare Lombroso e il museo di Antropologia criminale, in Castronovo V., Storia illustrata di Torino, n. 5, 1973, pp. 1441-1460.

TIRELLI V., in AA.VV., Il Regio Manicomio di Torino nel suo secondo centenario, Tip. L. Rattero, Torino 1928.

Per chi voglia approfondire, biografia, opera e rilevanza storica della figura di Cesare Lombroso si rinvia agli scritti delle figlie Gina e Paola (1906), di AA.VV. nel volume L'opera di C. Lombroso nella scienza e nelle sue applicazioni (1906 e 1908), ai contributi del Vol. 30, 1909 dell' «Archivio di Antropologia Criminale», di Ruggero Romanese (1935), Marvin Wolfgang (1960), Castiglione (1970), Luigi Bulferetti (1975), Renzo Villa (1984 e 1985), Pier Luigi Baima Bollone (1992), Maria Carla Gadebusch Bondio (1995), Delia Frigessi (2003).

Suggerimenti